Home / La bottiglia / Cacchione Nettuno Doc
3 agosto, 2011

Cacchione Nettuno Doc

Tag:, , , , , , , ,

cosa dimostrata dalla presenza ancora oggi di molti vigneti a “piede franco” (quelli cioè dove la varietà europea viene piantata direttamente senza essere innestata sulla vite americana), caratterizzati da un maggior equilibrio della pianta e, di conseguenza, di un’ottima produzione. Per continuare una tradizione perpetuata nei secoli alcuni viticoltori, a partire dal 1973, si sono riuniti e hanno fondato la Cantina Bacco di Nettuno in una terra fertile, riscaldata da un sole sempre amico, con un clima favorevole e costante. Massima cura e grande professionalità sono le caratteristiche che la contraddistinguono nella produzione di uve che, selezionate con cura certosina e nel rispetto delle antiche tradizioni nonché con l’ausilio di moderne tecniche, regalano agli amatori quel nettare che nel passato arricchiva la mensa di Marco Tullio Cicerone nella villa di Torre Astura, oltre a quelle opulente degli imperatori nell’Antium romana. Figlio verace di un uva arcaica, il Cacchione che la Cantina ne ricava è un bianco opulento e assai piacevole, perfetto con antipasti, con il pesce ma anche con la carne. Frutto di una  tenace difesa delle radici profonde e secolari di un vitigno, viene lavorato fedelmente secondo gli antichi procedimenti, ma anche con l’uso delle più moderne tecnologie (raffreddamento immediato delle uve, criomacerazione, pressatura soffice) che, inserendosi nella vinificazione tradizionale, ne esaltano le qualità. Le uve del vecchio vitigno Cacchione sono coltivate in zone ormai limitate e particolarmente vocate dell’entroterra dei Comuni di Nettuno ed Anzio. Dopo un’accurata selezione dei grappoli, lo si vinifica con le tecniche più all’avanguardia in modo da ricavare ed esaltare le caratteristiche tipiche di questo vitigno autoctono. La pressatura soffice e la fermentazione del mosto pulito a bassa temperatura consentono di ottenere un vino dagli aromi freschi e fruttati, dal colore giallo paglierino con nuances verdeggianti. Matura in serbatoi d’acciaio inox per quattro mesi e poi viene affinato in bottiglia per due mesi. Al gusto risulta equilibrato con una buona finezza e persistenza.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>