Notte Green a Donnafugata

Vini di qualità che fanno bene all’ambiente e aprono al territorio un futuro di sostenibilità e sviluppo: questa è Donnafugata in Sicilia. Lo conferma il tema scelto per la sera del 10 agosto in occasione di Calici di Stelle, l’appuntamento estivo del Movimento del Turismo del Vino. Una notte “green” da trascorrere nella tenuta di Contessa Entellina, nel cuore della Sicilia occidentale, dove da 13 anni lo chardonnay si vendemmia di notte, per preservare aromi e risparmiare energia nella refrigerazione delle uve. 10 anni e più di buone pratiche (risparmio energetico, energia pulita, agricoltura sostenibile), che trovano un nuovo slancio e nuove motivazioni nella collaborazione con Amorim Cork, uno dei maggiori produttori mondiali di sughero fortemente impegnato sui valori della sostenibilità, e il CTS Viaggi, tour-operator leader nella proposta di itinerari naturalistici, che adesso intende investire anche sull’enoturismo di qualità.
Il 10 di Agosto, nella notte delle stelle cadenti, la tenuta di Donnafugata sarà aperta al pubblico dei wine-lover per una visita all’insegna della sostenibilità e della produzione d’eccellenza.
La novità è che gli appassionati diventano protagonisti del progetto sostenibilità raccogliendo e portando a Donnafugata il maggior numero di tappi di sughero. Per premiare i più sensibili, una bottiglia di La Fuga Chardonnay a chi ne avrà portati almeno 100! Donnafugata infatti ha aderito alla campagna di raccolta proposta da Amorim Cork che nel 2010 ha riciclato 43 milioni di tappi di sughero. Anche il CTS farà la sua parte avviando la raccolta in 10 agenzie nelle maggiori città italiane. Presso ogni agenzia aderente saranno premiati con una bottiglia di La Fuga Chardonnay coloro i quali consegneranno almeno 100 tappi entro il 30/11/2011! (vedi il regolamento pubblicato su www.donnafugata.it).
Il sughero è riciclabile al 100%: Amorim Cork Italia, fortemente impegnato nella riduzione delle emissioni di CO2, ne cura la raccolta e ne ottiene prodotti con un alto valore aggiunto come quelli utilizzati dal bio-arredamento e dalla bio-edilizia (pannelli fonoassorbenti, termoisolanti e altro). Con il CTS Viaggi è nata una collaborazione che promuove il territorio siciliano attraverso una serie di itinerari che si sviluppano intorno alle cantine di Donnafugata a Marsala, Contessa Entellina e Pantelleria. Un’offerta che ha messo in rete anche alcuni operatori alberghieri e della ristorazione locale facendo dell’enoturismo un fattore di sviluppo, e che vede in Calici di Stelle l’appuntamento clou.
“Ai visitatori di Calici di Stelle – afferma Antonio Rallo di Donnafugata – le nostre vigne si presenteranno in ottima forma; qui tra le colline di Contessa Entellina si registra un’annata felicemente siciliana, grazie al regolare andamento climatico che abbiamo avuto finora; i vigneti sono rigogliosi e siamo fiduciosi che ci daranno frutti di elevata qualità; in particolare ci stiamo avvicinando alla maturazione dello Chardonnay, la prima varietà che di solito raccogliamo, e chissà che il 10 di agosto non potremo iniziare a vendemmiarla. In ogni caso, gli appassionati potranno assaggiarne qualche acino e gustarne tutta la dolcezza.” L’impegno di Donnafugata per l’ambiente cresce da oltre 10 anni. “Abbiamo iniziato qui a Contessa Entellina – spiega Josè Rallo di Donnafugata – con la vendemmia di notte e poi il fotovoltaico (oggi 118 Kw installati). La sostenibilità delle nostre attività produttive, nel 2011, è cresciuta anche grazie ad una serie di partnership. Insieme ad un gruppo di produttori di vino di qualità abbiamo deciso di compensare le emissioni di CO2 impiantando un bosco di sughere di 5 ettari in Sardegna. Con la Amorim Cork Italia condividiamo l’idea che il sughero sia un valore anche per la qualità dei nostri vini e insieme vogliamo diffondere la cultura del riciclo; con il CTS Viaggi sperimentiamo una collaborazione che rende sempre più l’enoturismo sostenibile un fattore di sviluppo del territorio. Insieme vogliamo promuovere uno stile di vita più orientato alla sostenibilità”.