“A tavola nel parco”. La cucina che fa bene

Ospite d’onore a cena (il venerdì e il sabato) e a pranzo (la domenica) sarà un ingrediente particolare: l’umanità. La Cooperativa Sociale l’Ippogrifo insieme alla Comunità Il Porto onlus ha dato, infatti, vita al progetto “A TAVOLA NEL PARCO” che mette in primo piano la cucina come elemento aggregante, come esperienza di condivisione, come momento in cui è possibile abbattere i muri e le paure per costruire situazioni di dialogo, comprensione e apertura verso “l’altro”. Il progetto nasce proprio per fare in modo che i ragazzi residenti in Comunità riprendano contatto con il mondo esterno e il mondo esterno entri all’interno della Comunità senza timori e pregiudizi. La Comunità si occupa su un piano psicoterapeutico e socio riabilitativo della cura di pazienti con disturbi psichiatrici, con o senza dipendenza da sostanze varie. Pazienti che non hanno trovato aiuto in altri generi di trattamento, possono trovare vantaggio in un periodo di vita residenziale, presumibilmente tra i 12 e 24 mesi. La location d’eccezione di A tavola nel Parco è il boschetto della villa ottocentesca in cui ha sede la comunità. “L’oboettivo – spiega Federica Bileci, psicologa e coordinatrice della struttura gestita dal professor Metello Corulli – è quello di abbattere il muro di diffidenza che ancora esiste su questi luoghi”. “Per i ragazzi – tantomeno per la Comunità in generale – non si tratta di un business – aggiunge la psicologa – ma del tentativo di aprire i luoghi di cura verso il mondo esterno. Servirà ai ragazzi in un’ottica socio-riabilitativa e servirà alla gente per capire come questi due mondi si possano incontrare perché poi non così diversi, dissimili”.

La Cooperativa Sociale l’Ippogrifo mette a disposizione la propria esperienza progettuale nel settore della ristorazione e della gestione di persone che vivono nel disagio psichico per coordinare il progetto.

LE DATE

10 – 11 e 12 giugno

8 – 9  e 10 luglio

12 – 13 e 14 agosto

9 – 10 e 11 settembre

 

VENERDI’ E SABATO A CENA

DOMENICA A PRANZO

 

Il menù:

 

Composizione di antipasti dal mondo

Carni alla brace

Riso Thai

Verdure grigliate con selezione di salse

Tagliata di frutta

Sorbetti

Tartellette della casa

Acqua e Caffè

€ 25,00

 

Per coerenza con il cammino terapeutico dei residenti in comunità, nell’arco della serata e durante la cena NON saranno servite bevande alcoliche. Tutto sarà accompagnato da bevande analcoliche realizzate a base di frutta ed essenze.

Per capire meglio

Ciascuno di noi possiede una personalità, unica e diversa da tutte. La personalità è l’insieme dei tratti stabili con i quali ciascuno di noi risponde, interagisce e percepisce il mondo che ci circonda. Deriva dalle esperienze e dal modo individuale che ogni di noi ha nel rapportarsi agli altri. Questi tratti sono flessibili e si adattano alle circostanze. Ma per alcune persone ciò non capita. Ecco che allora si manifestano disagi e disturbi più o meno gravi, che comportano conseguenze in termini di sofferenza soggettiva e limitazioni nelle relazioni e nell’area lavorativa.
Proprio di questo si occupa da tempo la Cooperativa Sociale l’Ippogrifo che ha dato vita a progetti come l’Osteria del Mutuo Soccorso di Nole (To) e il Ristorante di Settimo (To), luoghi in cui coloro che vivono il disagio psichico possono e riescono a riappropriarsi di una vita normale e della propria quotidianità imparando un lavoro, stando a contatto con gli altri. Questa esperienza dal prossimo mese di giugno verrà allargata e abbraccerà una realtà che da molti anni opera in maniera analoga: la Comunità Terapeutica Il Porto onlus che si occupa in maniera particolare del trattamento del disagio esistenziale giovanile.

Il Ristorante
Lo scopo primario della Cooperativa Sociale L’Ippogrifo consiste nella costruzione di un modello e di una rete di servizi finalizzati a promuovere, sviluppare e sostenere, attraverso il lavoro educativo, l’autonomia e il reinserimento sociale della persona afflitta da un “disturbo psichiatrico” e osteggiare il suo precipitare in un percorso senza ritorno, verso l’oblio della mente e dei sensi o l’isolamento e l’esclusione sociale.
Al Ristorante le persone vengono inserite in un contesto lavorativo che funziona come un laboratorio di addestramento professionale. Imparano sul campo e attraverso la propria esperienza quotidiana, coadiuvati dagli educatori, presenze discrete, punti di riferimento e occhi attenti e pronti a intervenire qualora manifestassero disagi o cedimenti. Il senso di tutto ciò è a carattere prevalentemente riabilitativo e di inclusione sociale.
In questo spazio, che è IL RISTORANTE, si vive la normalità e tutti si misurano con problemi veri, in un ambiente vero, anche se protetto. Se dovessimo utilizzare tre aggettivi per descrivere il mondo che gravita non fuori ma dentro il Ristorante sicuramente dovremmo usare: attento, sociale, accogliente. Ogni persona è un caso unico e quindi non esistono regole generali. Qui ogni regola ha la sua eccezione, poiché stiamo parlando di persone vere e non di casi clinici da manuale. Come si vive? Che cosa si deve fare?
Le uniche regole riguardano l’impostazione del lavoro e dei suoi turni. Servire a tavola, prendere le ordinazioni, preoccuparsi della caffetteria e aiutare Mirko Vieta, lo chef de Il Ristorante, in cucina. Ogni segue un suo percorso personale e non è affatto raro che alcuni di loro si allontanino, si perdano per qualche tempo e tentino di nuovo l’annullamento. Ma , insieme “si può fare”: perché in un mondo che relega le persone con problemi psichici nella sfera dell’impossibile, esiste una dimensione nascosta ma possibile che viene raggiunta con dedizione, attenzione e ascolto. Tutto parte da un mostro alato, un Ippogrifo che in questo caso è una Cooperativa (Cooperativa Sociale L’Ippogrifo) che insieme alla  ASLTO4 di Settimo porta avanti un progetto di recupero e di inserimento nel mondo del lavoro di persone che vivono nel disagio psichico.  

Comunità “Il Porto”
Via Petrarca 18 – 10024 Moncalieri (TO)
Prenotazioni al numero: 342.08.47.654

www.ilristorantedisettimo.it
www.l’osteriadelmutuosoccorso.it
www.ilporto.org
www.terapiadicomunità.org