Filippo La Mantia. Il Lusso? Prego, è permesso.

Tanto che, la sua pagina Facebook, pullula di indomite fans che vorrebbero cucinare per lui (a voi interpretare le sottili metafore). In tempi di crisi economica, crisi del maschio e crisi di coppia, eccomi approdare ad un brunch d’eccezione: quello preparato da La Mantia nel ristorante dell’Hotel Majestic, luogo eletto a sua dimora culinaria romana. Siamo in quella parte di città più raffinata, in Via Veneto – è vero – eppure il nostro oste e cuoco ha aperto le porte del lusso anche a chi vive di stipendi da crisi, ma reclama il diritto sacrosanto al buon vivere. Così, io e le mie amiche, tutte nelle grinfie del precariato, possiamo vivere i fasti di un brunch dalla cucina innovativa che affonda le sue radici nella solare tradizione siciliana, interpretata con festosa solarità dall’anima e dalle mani creative di La Mantia. “Ma siamo sicure?”, chiede una mia amica ingenuamente, “che non andremo in bancarotta?”. “Siamo sicure”, rispondo. L’ambiente è pieno di luce e accogliente, arredato in stile fin de siècle e il servizio ineccepibile: senza inutili formalismi che spesso mettono solo a disagio. Tutto – dall’ambiente alla cucina – è semplicemente accessibile, ma impeccabilemente elegante. Insomma, siamo pur sempre nella Roma più esclusiva. Bene, ora che avete chiaro dove ci troviamo: avete fatto caso che ho detto cuoco e non Chef? Sì, perché Filippo ci tiene tantissimo al suo ruolo di Oste e Cuoco, come a dire: bando algli atteggiamenti da prima donna di certi Chef; infatti, è lui ad accoglierci nella sala del Majestic e a fare gli onori di casa. Filippo è un ricercatore di sapori, uno che cucina e manipola gli ingredienti per farti sognare e condurti in un viaggio rievocando sapidità lontane, suscitando emozioni nuove che partono dai profumi che ricordavi da bambina, ma che si fondono con nuovi accostamenti. E’ come se gustando i suoi piatti ci incamminassimo verso un sentiero nuovo, un percorso avventuroso alla scoperta di quel meraviglioso mondo che è la sua cucina. La Mantia ha il tocco leggero di chi sa costruire, come un bravo direttore d’orchestra, un’armonia di sapori delicati, togliendo la pesante sacralità del soffritto per restituire ai cibi la potenza piena dei loro sapori originari. Ed è qui il genio creativo, perché Filippo parte dagli ingredienti della sua terra, dalle ricette semplici dei cibi “onesti” senza i sofismi di certe inutili affettazioni culinarie, che non fanno altro che nascondere i sapori delle materie prime. Il cuore della filosofia di cibo del cuoco La Mantia è nell’esaltazione dei sapori della natura. Largo spazio dunque agli agrumi, ai piatti semplici della tradizione popolare, ma soprattutto alla fantasia, alla volontà di sperimentare e alla passione: che è l’ ingrediente fondamentale, quando si percorrono ed esplorano nuovi territori del gusto. E quest’uomo la passione per il suo lavoro la rende evidente, perché quando ti accoglie e ti saluta sorridente, sai di avere di fronte uno che ama profondamente ciò che fa. La Mantia ha riscritto le pagine della cucina italiana e con la sua capacità vulcanica di comunicatore ha reso democratico il lusso. Ha trasformato la tradizione giocando con i ricordi di quei piatti profumati che lui stesso sentiva a casa sua e li ha portati su una delle terrazze più esclusive di Roma, in un tripudio di pesto agli agrumi, pasta alla Norma, cous cous, cassate e cannoli siciliani. Non troverete  aglio, cipolla soffritti o burro, ma solo i prodotti che ci regala la terra e che vengono usati sapientemente per lasciare che i cibi esplodano nella colorazione del loro bouquet naturale. Qui, il gusto lussuoso e rotondo della cucina tradizionale flirta con la leggerezza. Il volume e la corposità dei piatti passa esclusivamente attraverso i sapori naturali. Per ricaricarci e passare una giornata dedicata ai piaceri, alle chiacchiere leggere e a un viaggio nella cucina innovativa, circondati da tutto ciò che c’è di più confortevole, perchè non andare a trovare il cuoco La Mantia? Ma attenzione ragazze, il bel Filippo è sposatissimo.

 

{gallery}vvalentinuzzi/lamantia{/gallery}

 

http://www.hotelmajestic.com/ita/lamantia.htm

HOTEL MAJESTIC ROMA Via Vittorio Veneto, 50 Rome 00187

Tel: 06 42144715

prenotazioni@filippolamantia.com

Foto Ristorante Filippo La Mantia