Olio extravergine di Canino Dop

Nella radice del suo nome risiede anche la antica storia, attribuibile secondo studi storici alla gens canina, popolo di origine etrusca originario di Vulci, che scelse il cane -simbolo di fedeltà- come parte dello stemma cittadino. Oltre alle meraviglie storiche da visitare, tra cui la necropoli etrusca dei Vulci e il borgo medievale, Canino  è stata la Città di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone.

Il territorio: la produzione avviene nei comuni di Canino, Arlene, Cellere, Ischia di Castro, Farnese, Tessenano, Tuscania e Montalto di Castro. A riunire le aziende e tutelare il marchio è sorta nel 1988 l’Olivicola di Canino, una cooperativa che riunisce  130 soci che coltivano oliveti situati nella zona. Tutti  aderiscono ai Reg. CEE  e alle sue norme per l’adozione di tecniche di coltivazione ecocompatibili, con particolare attenzione al limitato uso di concimi e fitofarmaci. Una parte delle aziende segue il metodo di coltivazione biologico.

La lavorazione: comincia con la raccolta che va da  fine ottobre a metà dicembre quando le olive hanno raggiunto la giusta maturazione.
La molituradeve avvenire entro le 36 ore dalla raccolta. La prima fase della lavorazione, la è la frangitura, dalla quale si ottiene un pasta che viene rimescolata nella gramola per poi passare all’ultima fase di lavorazione nel decanter e successivamente, attraverso un separatore centrifugo, viene separato il mosto oleoso dall’acqua.
L’estrazione dell’olio avviene con un impianto a ciclo continuo a temperatura controllata, mai superiore ai 27°, ottenendo quindi un olio “per estrazione a freddo” che conserva le sue caratteristiche naturali.
L’olio viene passato poi con filtri a cotone che trattengono le impurità, e conservato in cisterne in acciaio inox alla temperatura costante di  18°, per poi essere imbottigliato e messo in commercio. Per l’estrazione sono dunque utilizzati solo processi meccanici che permettono la conservazione delle caratteristiche peculiari ed originarie delle olive.
Caratteristiche: l’olio di canino ha una bassissima acidità ed ottime proprietà organolettiche con elevato contenuto di polifenoli e Vit. E.il colore caratteristico è verde smeraldo dai riflessi dorati, l’odore è di frutto fresco e il sapore deciso di fruttato con un retrogusto amaro e piccante molto equilibrato. Le note finali sono di erbe aromatiche. Ottimo per condire bruschette, zuppe, insalate, piatti di legumi e carni alla griglia. 
All’acquisto lo trovate nei seguenti Formati
Latta 3 lt – 5lt 
Bottiglia 0,25 lt – 0,50 lt – 0,75 lt

Ricetta

Acqua Cotta

Ingredienti:

1 carota, 1 spicchio d’aglio, 2 kg di patate, 3 cucchiai d’olio extravergine di Canino Dop, 1 peperoncino, 1 bottiglia di pomodoro passato.

Mettete a bagno il baccalà per almeno 12 ore. Sbucciare le patate, lavarle e tagliarle a tocchetti. Tagliare a fettine sottili il sedano, la cipolla, la carota e l’aglio. Mettere in un tegame l’olio, gli odori, il baccalà sfilettato privandolo della coda, della pelle e delle spine, le patate, il peperoncino, il pomodoro e coprite abbondantemente di acqua. Portare ad ebollizione e far cuocere per circa 90 minuti a fuoco basso.
Se serve aggiungere un po’ di sale.