Un Natale “più buono” al Ristorante

E qui non sta bene non solo chi ci entra per mangiare, ma anche e soprattutto chi ci entra per lavorare. In questo caso, oltre ai professionisti del settore a cui è affidata la gestione di cucina e bar, parliamo di persone affette da disagi psichici che, tagliati fuori dalla vita sociale e lavorativa della comunità in cui vivono, sarebbero degli emarginati, persone che nella vita stanno male. Grazie a corsi di formazione, alle attività di cucina e sala bar organizzati appositamente per loro dalla Cooperativa L’Ippogrifo, in collaborazione con un Ente formativo specializzato, la ASLTO4 e il Centro per l’Impiego, da oggi possono apprendere un nuovo e più gratificante mestiere: quello della ristorazione. Vogliamo che gli ospiti siano tanti perché è dal contatto con loro che riusciamo a dare un senso alle attenzioni che rivolgiamo alla salute dei nostri ragazzi.  Il Natale è la festa della convivialità per eccellenza, il momento dell’anno in cui si sentono più forti che mai i valori della famiglia, della tradizione, della condivisione e della solidarietà. Decidere di trascorrere questa festa al Ristorante significa scegliere di vivere il vero spirito del Natale brindando con chi, in questo periodo dell’anno più che in altri, ha bisogno di sentirsi meno solo, diverso, lontano.  Due sono stati gli appuntamenti: il Cenone della Vigilia, tutto a base di delicate e raffinate ricette di pesce, e il Pranzo di Natale del 25, per il quale sono stati serviti quattro antipasti assortiti, due primi, un secondo, questa volta a base di carne, un dessert e, come in ogni Natale che si rispetti, l’immancabile panettone. Ogni piatto è stato pensato e preparato con tutta la dedizione e l’attenzione che Mirko Vieta, lo chef de Il Ristorante, mette sempre nella preparazione delle sue portate.  24 dicembre, la Vigilia di Natale ha visto protagonisti un  Tris di mare con  Insalatina di polpo e patate, Alici marinate alle arance e scarola, Trancio di carpa castellata, Tortino di cozze e olive gratinate, poi Orecchiette alle vongole e cime di rapa, Sorbetto agli agrumi, Frittura di pesce con verdure in tempura e insalata, Panettone artigianale, Misto di frutta secca, Acqua e  vino, caffè. Il 25 dicembre, Natale si sono serviti  Crostini con Foie Gras, Insalatina di farro, arance e scampi, Rollè di cappone ai ribes e miele d’acacia, Soufflé di patate e porcini, Ravioloni di topinambur con pesto alle noci, Brodetto di semola al porto e tartufo nero, Sottofiletto di vitella in crosta con salsa senapata, Spumone di banana, cioccolato bianco e zenzero candito e l’immancabile Panettone 

IL RISTORANTE
Via Teologo Antonino, 7
Settimo Torinese (To)
Telefono 011.8009772
www.ilristorantedisettimo.it