Spiedini tricolore

Ingredienti per 4 persone

200 g di polpa di tacchino
200 g di polpa di maiale
200 g di polpa di vitello
200 g di salsiccia di tacchino
½  peperone rosso di media grandezza
1/2 peperone verde di media grandezza
una cipolla bianca estiva
olio extravergine d’oliva
pepe bianco in grani
sale
8 spiedini di legno

Tagliate la polpa delle carni e le salsicce a cubetti di 4 centimetri e tenete da parte. Nel frattempo lavate e mondate i peperoni, togliendo loro i semi interni. Riduceteli a quadratini larghi 4 centimetri e poi tagliate la cipolla a pezzi  di egual misura. Prendete 4 stecchi grandi da spiedino e infilzate le carni, la salsiccia e gli ortaggi, alternandoli di modo da dare una cadenza cromatica omogenea allo spiedino. Prendete un’ampia padella, versatevi 3 cucchiai d’olio, fatelo scaldare un po’ e quindi adagiatevi gli spiedini. Alzate la fiamma e scottateli per qualche minuto bene da tutte le parti, poi abbassate il fuoco, salate, pepate con un giro di mulinello e fate cuocere per una ventina di minuti, girandoli di tanto in tanto. Serviteli caldi su un piatto da portata.

Difficoltà

Minima

Tempo di preparazione

45 minuti

Variante
Potete inframezzare i pezzetti di carne anche con fette di zucchina e di melanzane.

Abbinamento cibo-olio

Per questo piatto cosi gustoso vi consigliamo un olio extravergine d’oliva biologico abruzzese dell’oleificio San Giacomo (Atri, Teramo, www.oliosangiacomo.com), ottenuto dal leccino e dal frantoio, cultivar raccolte da giovani piante della famosa oliva Gentile di Chieti. Tipologicamente è medio fruttato, ha colore verde intenso con sentori erbacei. Al gusto risulta di un amaro-piccante non aggressivo, delicato e con una acidità bassissima. Le olive sono raccolte manualmente e spremute a freddo: insomma, è un olio perfetto per arricchire questi spiedini di carne.
 

Abbinamento cibo-vino

Ci troviamo di fronte alla succulenza intrinseca della carne, a una notevole aromaticità data dal peperone, dalla cipolla e dal pepe bianco.
Da notare le diverse sfumature di sapore e consistenza delle carni presenti in questo piatto.
Vi consigliamo, perciò, il San Clemente, un Montepulciano d’Abruzzo dell’Azienda abruzzese  Zaccagnini (Pescara, www.zaccagninivini.it). E’ un vino dal bel colore rosso rubino, al naso risulta un notevole profumo di liquirizia e frutti di bosco; è un vino importante con una buona trama tannica, avvolgente e di sicuro impatto gustativo, che incarna la scelta giusta per questo tipo di carni carni.


Abbinamento cibo-acqua

Vi consigliamo l’acqua oligominerale Castello, che scaturisce da un’antica sorgente in località Castello, nel cuore delle colline di Vallio Terme (Brescia), nei pressi del Lago di Garda.
Un’acqua bicarbonato-alcalina leggera e digeribile, che pulisce perfettamente la bocca.