Le Donne del vino del Piemonte “adottano” il vino della Georgia

In questa zona si produce vino bianco dall’uva Tsolikauri e Tsitska  essenzialmente per il consumo familiare, senza strutture, con una interessante tecnica di vinificazione: grandi anfore di terracotta sono interrate per consentire prima la fermentazione  e poi l’affinamento dei vini sia bianchi sia rossi.  Questa tecnica, che esprime al meglio le varie aree pedoclimatiche del paese ed esalta le diverse varietà di vitigni, è presente su tutto il territorio georgiano, con pratiche leggermente differenti secondo le tradizioni locali, é a rischio di scomparsa. Il Presidio è stato avviato nel 2008 con lo scopo di aiutare i viticoltori di Imereti a produrre un vino imbottigliabile e commercializzabile, dotandoli di strutture elementari di vinificazione e di stoccaggio.
Domenica 24 ottobre alle ore 11, la delegazione Piemonte incontrerà alcuni rappresentanti dei produttori di Imereti, tra cui la signora Nestan Kravishvili, presso lo spazio del Presidio  per incrementare la rete delle donne che si occupano di vino, per conoscerne le esigenze e  per uno scambio di informazioni. Nella stessa giornata alle ore 18 presso lo spazio della Regione Piemonte è previsto un incontro dal titolo “Di vino e di riso con l’altra metà del cielo”. Le associazioni Le Donne del vino e Donne& Riso parleranno dei loro programmi futuri. Al termine è previsto un assaggio di dolci di riso in abbinamento ai vini aromatici piemontesi. Interverranno Michela Marenco, delegata del Piemonte delle Donne del vino; Licia Vandone, presidente Donne & Riso. Modera l’incontro la giornalista Piera Genta. La delegazione “Le Donne del vino” del Piemonte è composta da donne professioniste nel campo vinicolo che in modo specifico sono impegnate a diffondere la cultura del vino piemontese. Con 120 iscritte, di cui oltre 60 produttrici, circa 30 ristoratrici e le rimanenti distribuite in altre categorie rappresentano la filiera vitivinicola dal vigneto alla comunicazione e sono riconosciute come una delle espressioni più interessanti dell’imprenditoria femminile. Terra Madre è l’incontro mondiale delle comunità del cibo, organizzato da Slow Food, che riunisce attori della filiera agroalimentare da oltre 160 Paesi, impegnati a difendere e promuovere modi di produzione rispettosi dell’ambiente, attenti alle risorse naturali, alla conservazione della biodiversità, alla giustizia sociale. Quest’anno il meeting è giunto alla sua quarta edizione e si svolgerà dal 21 al 25 ottobre a Torinowww.terramadre.org