Il Miglior Sommelier d’Italia 2010 A.I.S

Cinque le prove che hanno dovuto affrontare i tre finalisti. La prima consisteva nella descrizione di tre vini e loro eventuale riconoscimento, con successiva identificazione di quattro bevande alcoliche (grappa, calvados e via dicendo).

La seconda prova vedeva il Sommelier impegnato nell’abbinare cinque vini italiani e stranieri a sua scelta su un menù fornito dalla giuria, motivando in entrambi i casi gli abbinamenti scelti.

La terza prova consisteva, nell’utilizzo di una lingua straniera per il servizio al tavolo di uno spumante Franciacorta.

 

La quarta prova prevedeva di far decantare una bottiglia di  vino Taurasi del 1990 e relativo servizio al tavolo.
La quinta prova affrontava la correzione di una carta di vini.
A conclusione della “gara”, l’attenta e qualificata giuria ha designato come vincitore Nicola Bonera, trentunenne bresciano, Sommelier Professionista.
La consegna del prestigioso trofeo è avvenuta sul palco allestito all’esterno del teatro Pavone per mano di Maurizio Zanella, Presidente del Consorzio Tutela del Franciacorta.

Foto di Stefano Cucchetto, sono state scattate nel momento della “gara” e durante successiva premiazione, dove è ritrtto il vincitore Nicola Bonera)

 {gallery}sommelier{/gallery}