Cous Cous Fest fino al 26 Settembre

Edoardo Raspelli, critico gastronomico e conduttore della trasmissione Melaverde, sarà nella giuria di giornalisti che valuterà i cous cous in gara e sarà affiancato dalla conduttrice di Linea Blu, Donatella Bianchi e dalla giornalista del Gambero Rosso Laura Ravaioli, esperta di food.  Momento centrale dell’evento sarà la gara gastronomica internazionale. Una competizione amichevole tra chef di paesi diversi che interpretano il cous cous secondo le proprie tradizioni. L’Italia, vincitrice dell’edizione 2009, con una ricetta di cous cous di pesce con finocchietto selvatico e medaglione di mostella, dovrà confrontarsi con Costa d’Avorio, Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal e Tunisia. Gli chef si affronteranno in “sfide” ad eliminazione diretta durante le quali potranno votare anche i visitatori del festival, che parteciperanno alla giuria popolare, composta da circa cento persone, che esprimerà il proprio voto con palette numerate. A questa si affiancherà il voto segreto espresso dalla giuria tecnica, composta da giornalisti, scrittori ed opinion leader del mondo dell’enogastronomia.  In gara per l’Italia ci saranno due chef sanvitesi, Antonella Pace (capo delegazione) e Vito Miceli, moglie e marito, insieme ad Ivan Scebba, giovane chef palermitano, figlio d’arte, che ha vinto le selezioni nazionali che si sono svolte al Cous Cous Fest Preview. Al villaggio gastronomico, dalle 12 alle 24, sarà possibile assaggiare cous cous per tutti i gusti nelle tradizionali “Case del cous cous”, i punti di degustazione aperti al pubblico. Acquistando un ticket del costo di 10 euro i visitatori potranno scegliere tra le tantissime varianti del piatto, da quella sanvitese, disponibile alla “Casa del cous cous sanvitese” a base di pesce, ‘ncocciata con le mani in maniera tradizionale, a quella preparata secondo le antiche ricette della tradizione trapanese presso la “Casa del cous cous trapanese” fino alle varianti più “esotiche” dei paesi esteri partecipanti alla manifestazione che si possono assaggiare alla “Casa del cous cous dal mondo”, a quella del Maghreb (novità 2010), fino alle ricette dei paesi rivieraschi alla “Casa del cous cous del Mediterraneo”.

Il ticket dà diritto anche ad un bicchiere di vino siciliano e ad un dolce a scelta nell’area “Dolcemente Sicilia”.
Inoltre dalle 17 alle 24 sarà possibile immergersi in un coloratissimo mercato, l’Expo village, un vero e proprio suq, alla scoperta dell’artigianato e dei manufatti tipici dei paesi in gara e siciliani in particolare.
Per i visitatori più curiosi sarà disponibile il cous cous lab, dove ci saranno lezioni di cucina, laboratori gastronomici, talk show, tavole rotonde e incontri a tema.
Sulla spiaggia di San Vito sarà allestita un area chiamata Oasi del deserto che diventerà teatro di incontri e degustazioni tra atmosfere etniche e arabeggianti. Pagando un ticket, i visitatori potranno degustare il cous cous comodamente seduti in pouf colorati e divanetti etnici, un’atmosfera rilassata e fuori dal tempo, in riva a un mare color smeraldo. Di contorno musica, percussioni e spettacoli di danza del ventre.
In occasione dell’evento la compagnia aerea Ryanair firmerà alcune iniziative promozionali e assegnerà anche biglietti aerei in omaggio. 
Il Cous Cous Fest sarà anche il palcoscenico dei festeggiamenti del 25° anniversario della nascita di Comieco, il Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica.
Tra gli official sponsor della prossima edizione del Cous Cous Fest ci sono anche il gruppo San Pellegrino, uno dei simboli dello stile di vita italiano, che produce e commercializza con vari marchi acque minerali, aperitivi, bibite gassate e té, la Bia, Bacchini Industria Alimentare Spa, leader in Italia nella produzione di cous cous convenzionale e biologico che da anni investe nella manifestazione e fornirà la semola di cous cous, e Mandrarossa, la linea top delle cantine Settesoli di Menfi, più volte premiata con riconoscimenti internazionali, che proporrà una selezione di vini siciliani. I suoni e i ritmi del mondo saranno la colonna sonora del Fest. Ogni sera il palco di piazza Santuario sarà palcoscenico di talk show, concerti ed esibizioni di artisti nazionali ed internazionali nell’ambito del programma del Cous Cous Live Show. Tra gli artisti che si esibiranno ci sarà una band emergente, gli Skarafunìa, nove elementi provenienti da Sciacca (Agrigento) che propongono musica ska, reggae e rock steady. Tutti i concerti si svolgeranno in piazza Santuario e sono gratuiti.
Per informazioni:
Ufficio turistico di San Vito lo Capo, tel. 0923 974300 – www.couscousfest.it

 

 

 

{gallery}news/fotocous{/gallery}