Aqva City Spa: il nuovo lusso è Hi-Tech

L’Hotel  esprime icasticamente un concept internazionale: è l’ emblema della nuova mondanità romana in fase di rilancio, da un paio di anni a questa parte,  grazie al restyling di tanti edifici che hanno fatto epoca. L’accesso alla Spa prevede un discreto ingresso indipendente su Via Sicilia, a sottolineare il fatto che la possibilità di coccolarsi al suo interno, non è solo appannaggio della privilegiata clientela, ma anche di chi desidera approfittare di qualche ora per staccare la spina. E io approfitto. Ma andiamo con ordine.

Com’è. L’arredamento è rigorosamente realizzato su misura da artigiani che hanno lavorato su progetti creati appositamente dai designers dell’hotel. I materiali usati vanno dal pregiatissimo marmo di Carrara all’ebano, dal palissandro al mogano. Vengo accolta in un ambiente caldo e dal profumo rilassante: qui si diffondono solo gli effluvi di prodotti a base di oli essenziali puri al 100%, secondo le regole d’oro dell’aromaterapia, dando al primo impatto l’idea del livello top quality dei servizi offerti.

La Gym. Una volta superato l’ingresso, è il momento di togliere tossine e calorie. Per una patita del fitness come me, la gym – attrezzata con tapis roulant e macchine per la tonificazione Techongym è già il culmine del lifestyle. Tanto più che un sistema con chiavetta Usb mi permette di avere un personal trainer virtuale con esercizi memorizzati. Sul monitor degli apparecchi cardio ho, addirittura, la vista su Via Veneto. A mia disposizione la  “Kinesis”  una macchina  innovativa che permette di allenare la flessibilità, l’equilibrio e la forza.

Sauna e Hammam. Si può iniziare dalla sauna – realizzata su misura con legni ecologici, come avviene nelle saune finlandesi – oppure passare direttamente all’hammam. Luogo interamente in marmo, dotato di luci per la cromoterapia, come tutte le stanze riservate ai trattamenti, l’hammam consente di immergersi in un’atmosfera fatta di vapori e luci con effetto caldo-umido cha favorisce lo smaltimento dei liquidi, migliorando l’umore e rafforzando le vie respiratorie. Il tocco in più che strizza l’occhio alla modernità consiste nel fatto che è possibile allontanare lo stress e beneficiare di quest’antico trattamento ascoltando musica piacevolmente diffusa a corollario dei trattamenti. L’impressione è quella di spogliarsi delle tensioni quotidiane per entrare in un mondo senza tempo. Nota di merito: la vasca completamente in marmo di Carrara. Dopo l’hammam consiglio di restringere i pori con una doccia emozionale fresca, scegliendo l’intensità desiderata, per un effetto “energia immediata” altamente tonificante.

La zona Lounge. Qui è possibile rilassarsi sulle chaises longues anche in compagnia, ascoltare la propria playlist sull’i-Pod attraverso un canale dedicato, leggere amabilmente e prepararsi ai trattamenti successivi.

La swimming pool. Perla preziosa, incastonata in questo gioiello anni Venti che à la City Spa, la piscina con acqua salata è stata disegnata per far raggiungere uno stato di assoluto benessere a chi vi si immerge. Dotata di luci diffuse secondo i principi della cromoterapia, è l’ideale per godere di un idromassaggio sdraiandosi sulle chaises longues laterali poste al suo interno.  Al centro, a riprodurre una cascata naturale, c’è la doccia emozionale dalla quale si sprigiona una delicatissima pioggerellina tropicale. Uscita da qui, non ricordo minimamente a cosa alluda la parola “tensione”.

I trattamenti. In ogni cabina è possibile usufruire di una vasta gamma di trattamenti per il corpo e viso eseguiti da personale altamente specializzato con prodotti accuratamente selezionati; degni di nota i prodotti Skin Care di Bulgari. Non solo, tutto qui è curato nel minimo dettaglio affinché io riceva ogni attenzione possibile. I lettini sono ergonomici e posso regolarli con comodi sistemi meccanici. Il pavimento in marmo è riscaldato e in una della cabine è possibile ricevere trattamenti a base di acqua, fanghi, scrub senza neanche spostarsi visto che i materiali usati consentono di riprodurre un hammam personale. Se lo desidero all’interno della cabina c’è anche un piccolo bagno turco, sauna, doccia con cromoterapia; questo se ho voglia di beneficiare del mio momento relax senza avere contatti visivi con gli altri ospiti della Spa. Consiglio di regalare alla mamma o alla migliore amica – perfetta l’occasione del Natale –  una pausa massaggio in due nella cabina preposta: sarà un’esperienza indimenticabile.

L’Hi-tech. Ciò che fa di questa City Spa un vero gioiello di stile è la simbiosi tra antico e moderno. La cura per ogni dettaglio è ammaliante così come la maestria – tutta made in Italy – con cui sono stati ricreati ambienti confortevoli grazie all’aiuto di tecnologia all’avanguardia inserita in un contesto estremamente ricercato. Dalle docce ai comandi per le luci, tutto è touch e di semplice utilizzo. E’ possibile personalizzare addirittura i colori della cromoterapia utilizzati nella propria cabina, oppure seguire un percorso in loop. Per chiamare il personale basta premere un tasto, evitando inutili attese. Piccoli dettagli che fanno la differenza, soprattutto per una clientela abituata ad esigere il meglio. Unico rammarico, doversi rivestire per rituffarsi nel quotidiano tram-tram, attendendo la prossima occasione di remise en forme in questo luogo dall’incontestabile fascino un po’ retro e un po’ hi- tech, nuova declinazione dello chic romano.

 

  <p class="MsoNormal"><span style="font-size: 10pt; line-height: 115%; font-family: Tahoma,sans-serif"><strong>Grand Hotel Via Veneto</strong> <br />Via Vittorio Veneto, 155</span><br />ROMA<br /><a href="http://www.ghvv.it/">http://www.ghvv.it/</a> </p><p class="MsoNormal"><strong><span style="font-size: 10pt; line-height: 115%; font-family: Tahoma,sans-serif">Foto Grand Hotel Via Veneto</span></strong> </p>