All’ UmbriaCo una Serata all’insegna dell’ Ansonica e dell’Insolia

Tipologia di uva a bacca bianca che dà il meglio di sé sia nelle calde terre di Sicilia, dove viene chiamato Insolia, sia in Maremma è in questa terra toscana prende il nome Ausonica.La serata organizzata da Sandro Camilli Presidente Umbro A.I.S. (Associazione, Italiana. Sommelier) poneva come obiettivo di capire la differenze gusto-olfattive tra i vini Toscani e quelli della Sicilia partendo dallo stesso vitigno, anche se chiamati con nome diversi.

Per la Sicilia era presente l’azienda vitivinicola Cusumano e per la Toscana l’azienda PoggioargentierA.
Noi abbiamo partecipato alla serata, che è risultata molto piacevole anche grazie agli abbinamenti cibo-vino di estremo interesse. Abbiamo avuto, infatti, modo di constatare come i vini siciliani esprimano una piacevolezza in bocca e una persistenza gusto-olfattiva maggiore dei vini toscani, almeno quelli degustati in questa serata, ad eccezione del vino Bucce 2007 di PoggioargentierA. Questo vino ci ha dato una risposta non convenzionale e gradevole nell’interpretazione della vinificazione dell’Ausonica in Toscana. La prima cosa che colpisce di Bucce è che è non era perfettamente limpido, cosa che fa capire come, per scelta dell’azienda, PoggioargetierA sia un vino non filtrato né chiarificato. Per volontà dell’enologo, peraltro, rimane circa cinque giorni sulle sue “bucce”  al fine di esaltarne le caratteristiche organolettiche del vitigno. La degustazione è stata accompagnata per ogni tipologia di vino da un piatto a base di pesce ottimamente preparato dallo Chef Gianni Calabretto (proprietario dell’UmbriaCo).
Vino e cibo, un connubio imprescindibile, ha reso la serata estremamente piacevole.

Info
Ristorante L’UmbriaCo
Borgo Oberdan 1
Portaria (Acquasparta)
www.lumbriaco.it